Via Tommaseo, 10 | 31029 Vittorio Veneto (Treviso) Italy
+39 0438 550521
VIOLA E LE PAROLE
VIOLA E LE PAROLE

“Viola e la parole” è la nuova produzione del Centro Teatrale Lorenzo Da Ponte dedicata ai bambini delle scuole primarie. Parla di dislessia, di come affrontare il problema, ma soprattutto parla di fiducia in se stessi, dei problemi di bullismo che cominciano già in tenera età. Parla di insegnanti che fanno i salti mortali per aiutare questi bambini in classi sovraffollate e di genitori che semplicemente cercano di capirne un po’ di più.

PETER PAN
PETER PAN

I Darling sono una famiglia londinese composta dai genitori Mary e George e dai loro tre bambini Wendy, Gianni e Michele; una famiglia tranquilla ma molto, molto particolare: non passano di certo inosservati davanti ai vicini, a maggior ragione dopo che hanno scelto per bambinaia Nana, niente di meno che un gigantesco cane terrannova! Peter è un bambino che non vede di buon occhio le madri, che non vuole crescere e vuole sempre divertirsi: lui stesso è fuggito dalla sua famiglia molto tempo addietro e adesso abita all’Isolachenoncè, dove vive avventure meravigliose in compagnia di personaggi e creature altrettanto fantastiche, senza dover mai crescere.

CAPITAN FAGIOLO
CAPITAN FAGIOLO

Capitan Fagiolo e il suo fido mozzo Bozzo sono due pirati che stanno morendo di fame; abituati a vivere di arrembaggi e saccheggi si ritrovano a fare i conti con i tempi moderni e sono costretti a trovare un lavoro onesto per guadagnarsi da vivere. In un piccolo palchetto improvvisato simuleranno veri e propri colloqui di lavoro dove verranno testati sulla loro sensibilità per l’ambiente (guardia boschi), il loro senso di responsabilità (consiglieri di un piccolo sovrano) e il rispetto per la diversità (tate di una bambina burrascosa). Le risposte disastrose ma ingenue dei pirati vengono continuamente corrette dall’ esaminatrice che spiega in parole semplici i vantaggi complessivi di un comportamento corretto verso gli altri e l’ambiente. Finiti i tre colloqui i pirati sembrano rassegnati, quando all’ultimo momento si scopre un lavoro adatto a loro, trasportare viveri e aiuti ad un isola dove il mare è sempre in burrasca. Tutti quanti, anche le persone apparentemente più strane, hanno i loro particolari talenti. Lo spettacolo è brillante e dinamico, tra fondali dipinti e costumi pittoreschi, si prefigge di attrarre l’attenzione dei ragazzi e di sensibilizzarli ai temi dell’ambiente, della responsabilità, del bullismo e del rispetto verso tutti quanti.

CANTO DI NATALE
CANTO DI NATALE

Il vecchio Scrooge, vecchio cinico e senza cuore, la Notte di Natale riceve la visita del fantasma del suo defunto socio Jacob Marley che gli rimprovera la sua grettezza e gli annuncia la visita di tre spiriti, il fantasma del Natale passato, del presente e del futuro, destinati a redimerlo. Lo spirito del Natale, con la sua plurimillenaria speranza di redenzione dell’uomo al di là delle barriere sociali, politiche e addirittura religiose, si materializza in questo caso grazie al fantastico e al magico, regalando a grandi e piccoli un esempio educativo sull’importanza della condivisione, dell’unione e dell’attenzione verso il prossimo. L’opera di Dickens è un racconto dal significato estremamente profondo che la storia ha rapidamente reso celebre e intramontabile, e che viene riproposta magistralmente dagli attori dell’Accademia Da Ponte attraverso l’atmosfera delle più belle fiabe della storia.